Gli indicatori del ciclo finanziario e la loro capacità di anticipare le fluttuazioni del prodotto

6 giugno 2011

Tim Ng

Il ciclo finanziario attiene alla variazione nel tempo delle percezioni e degli atteggiamenti riguardo al rischio finanziario. Esso si contraddistingue spesso per oscillazioni nella crescita del credito, nei prezzi delle attività, nelle condizioni di accesso al finanziamento esterno e per altri andamenti finanziari. L'utilizzo di una misura unica che sintetizzi tali indicatori semplificherebbe l'analisi del ciclo finanziario, con effetti positivi sia per la valutazione del rischio sistemico sia per le politiche di stabilizzazione. Non è tuttavia evidente quale sia il modo migliore di selezionare e accorpare i numerosi indicatori potenzialmente rilevanti o di valutare l'utilità della risultante misura. Un possibile criterio è quello della valenza predittiva. Esso viene qui utilizzato per esaminare tre misure del ciclo finanziario di diversa composizione e verificare la loro capacità di anticipare le oscillazioni del prodotto su orizzonti fino a due anni. Una di queste misure si rivela particolarmente utile nella previsione del prodotto sugli orizzonti brevi. Tale risultato appare tuttavia dovuto soprattutto all'inclusione al suo interno di indicatori fortemente correlati a episodi effettivi di acuta tensione del sistema finanziario, piuttosto che alla variazione nelle percezioni e negli atteggiamenti più generali circa il rischio finanziario.

Classificazione JEL: E32, E51