V. La politica monetaria pena a ritrovare la normalità

29 giugno 2014

La politica monetaria, rimasta molto accomodante, si è trovata di fronte a varie difficili sfide. Nelle maggiori economie avanzate le banche centrali hanno dovuto fare i conti con una ripresa insolitamente fiacca e con i segnali di una ridotta efficacia della politica monetaria. Le economie emergenti e quelle avanzate aperte di minori dimensioni si sono invece trovate alle prese con episodi di turbolenza sui mercati e con le ripercussioni delle politiche monetarie perseguite nelle economie avanzate maggiori. In queste ultime, le autorità possono tenere in maggiore considerazione gli effetti del loro operato sulle altre economie, e i corrispondenti effetti di retroazione sulla propria giurisdizione. Un'altra difficoltà che si è posta a varie banche centrali è stata quella di gestire un'inattesa disinflazione. A questo riguardo, la risposta delle autorità deve considerare attentamente la natura e la persistenza delle forze all'opera, così come la ridotta efficacia e gli effetti collaterali della politica monetaria. Infine, in prospettiva, incombe il problema di come calibrare al meglio i tempi e il ritmo della normalizzazione monetaria. La transizione sarà probabilmente un percorso complicato e accidentato, a prescindere da come verrà comunicata. Il rischio di una normalizzazione troppo tardiva e troppo graduale non va sottovalutato.