Rimuovere gli ostacoli alla crescita

23 giugno 2013

L'incremento della produttività e l'occupazione negli ultimi anni hanno subito una flessione nelle maggiori economie avanzate, specialmente dove la crescita, prima della crisi, era caratterizzata da gravi squilibri. Per poter tornare a una crescita sostenibile, tali paesi dovranno ridistribuire capitale e lavoro fra i diversi settori. Le rigidità strutturali che ostacolano questo processo rischiano di frenare il potenziale produttivo dell'economia. La produttività e l'occupazione risultano di regola più modeste nelle economie con mercati dei prodotti rigidi rispetto a quelle con mercati dei prodotti più flessibili. In modo analogo, i tassi di occupazione tendono a essere più bassi dove il mercato del lavoro è più rigido. Inversamente, i paesi con mercati del lavoro flessibili recuperano in tempi più rapidi nel caso di recessioni caratterizzate da forti squilibri, e creano anche più posti di lavoro. L'attuazione di riforme che accrescono la flessibilità dei mercati del lavoro e dei prodotti può essere ripagata in tempi brevi da un miglioramento della crescita e dell'occupazione.