Il CSPR adotta un nuovo statuto e diventa il Comitato per i pagamenti e le infrastrutture di mercato

1 settembre 2014

Comunicato stampa

Nel loro incontro del giugno 2014 i Governatori delle banche centrali del Global Economy Meeting (GEM) hanno approvato un nuovo mandato e un nuovo statuto (in inglese) per il Comitato sui sistemi di pagamento e regolamento (CSPR). Il GEM ha inoltre deciso di cambiare il nome del CSPR in Comitato per i pagamenti e le infrastrutture di mercato (CPIM).

Queste modifiche, che entrano in vigore oggi, intendono allineare maggiormente il nome e il mandato del Comitato alle attività da esso effettivamente svolte, e non incidono sul modus operandi, la composizione o le competenze del Comitato stesso.

L'obiettivo primario del CPIM è promuovere la sicurezza e l'efficienza dei sistemi di pagamento, compensazione, regolamento e di altri meccanismi collegati, contribuendo alla stabilità finanziaria e all'economia più in generale. Formato dagli alti funzionari di 25 banche centrali, il Comitato monitora e analizza gli sviluppi relativi a tali sistemi e meccanismi, a livello sia nazionale sia internazionale. Esso fornisce inoltre alle banche centrali una sede di cooperazione per le connesse questioni di sorveglianza, policy e operatività, compresa l'offerta di servizi di banca centrale. Il CPIM è un organismo di definizione di standard internazionali che persegue l'obiettivo di rafforzare, nelle sue aree di competenza, la regolamentazione, le politiche e le prassi nel mondo intero.

Relativamente al nuovo statuto, il Presidente del CPIM Benoît Cœuré ha affermato: "Il Comitato per i pagamenti e le infrastrutture di mercato continuerà a essere strumentale nell'approfondire la conoscenza dei meccanismi di pagamento, compensazione e regolamento, nel promuoverne la sicurezza e l'efficienza, e nell'assicurare condizioni di parità concorrenziale a livello mondiale." Il testo integrale dell'intervento del Presidente (in inglese) è allegato in calce.

Note

  1. I meccanismi di pagamento, regolamento e compensazione coperti dal mandato del CPIM comprendono le infrastrutture del mercato finanziario e altri meccanismi e attività di pagamento, compensazione, regolamento e reportistica, a livello sia nazionale sia internazionale (inclusi i sistemi e le attività relativi ai pagamenti all'ingrosso e al dettaglio, al regolamento delle operazioni in cambi, alla compensazione e al regolamento delle operazioni in titoli e strumenti derivati, alla compensazione multilaterale o alla gestione dellegaranzie reali), nonché gli strumenti o gli schemi di pagamento al dettaglio. Essi comprendono anche i servizi forniti dalle banche centrali diversi dai meccanismi sopraelencati.
  2. Le banche centrali rappresentate in seno al CPIM sono: Reserve Bank of Australia, Banque nationale de Belgique, Banco Central do Brasil, Bank of Canada, People's Bank of China, Banca centrale europea, Banque de France, Deutsche Bundesbank, Hong Kong Monetary Authority, Reserve Bank of India, Banca d'Italia, Bank of Japan, Bank of Korea, Banco de México, De Nederlandsche Bank, Monetary Authority of Singapore, Sveriges Riksbank, Banca nazionale svizzera, Central Bank of the Russian Federation, Saudi Arabian Monetary Agency, South African Reserve Bank, Türkiye Cumhuriyet Merkez Bankasi, Bank of England, Board of Governors of the Federal Reserve System, Federal Reserve Bank di New York.
  3. Maggiori informazioni sul CPIM e l'insieme delle sue pubblicazioni sono disponibili sul sito internet della BRI.