La nuova era degli accantonamenti per perdite attese su crediti

6 marzo 2017

Dopo la Grande Crisi Finanziaria gli organismi di normazione contabile hanno richiesto a banche e altre società di costituire un accantonamento a fronte delle perdite attese su crediti. Sebbene le regole introdotte dai due principali organismi di emanazione degli standard siano diverse, in entrambi i casi le banche sono tenute a costituire un accantonamento per perdite attese su crediti nel momento in cui il credito è erogato, senza aspettare che si verifichi un evento determinante che segnali perdite imminenti. Nel breve termine gli accantonamenti potrebbero aumentare, ma l'impatto sul patrimonio di vigilanza dovrebbe essere limitato. Tuttavia, le nuove regole cambieranno probabilmente il comportamento delle banche nelle fasi di contrazione del credito, frenando potenzialmente la prociclicità. Banche, autorità di vigilanza e operatori del mercato devono prepararsi per il ruolo che ognuno di essi avrà nell'implementazione del nuovo approccio e nella valutazione del suo impatto.

JEL : G21, G28, M40, M48.